Indian FTR 1200: nel 2021 in 4 versioni e con cerchi da 17"

Indian rinnova la gamma FTR proponendo quattro versioni: base, S, R Carbon e Rally. Le prime tre hanno ora un setting votato alla strada, con sospensioni dedicate e cerchi da 17". Tra le novità 2021 ci sono anche un motore rivisto, un'inedita strumentazione touchscreen, nuovi colori e accessori

1/54

1 di 6

Indian Motorcycles rinnova completamente la propria V-Twin. Nata nel 2019, la FTR si affaccia dunque al 2021 ancor più votata alla strada e alla performance su asfalto. Tra le principali aree di intervento, i tecnici della Casa americana hanno lavorato su motore, setting e ciclistica per migliorare l’agilità della moto e ottimizzare la FTR proponendo quattro diverse versioni: base, S, R Carbon e Rally. L’ultima nominata è la più simile al vecchio modello, dato che mantiene il layout con cerchio da 19” all’anteriore e 18” al posteriore. Cambiano, invece, le altre tre, che escono, di serie, con cerchi da 17”, pneumatici Metzeler Sportec e sospensioni completamente regolabili. Il cambio in favore di un layout più stradale porta con sé alcune modifiche sostanziali alla ciclistica: l’inclinazione del cannotto di sterzo è ora di 25° (prima 26,3°), avancorsa 99,9 mm (prima 130 mm), in favore di una maggiore reattività dell’avantreno. Le sospensioni pluriregolabili delle versioni base, S e R Carbon hanno setting specifici, ma tutte vantano una corsa di 120 mm (prima 150 mm). La sella, rispetto al vecchio modello, è posta 36 mm più in basso, ovvero a quota 804 mm da terra. Al contempo, il manubrio è più stretto di 40 mm. Il propulsore di 1.203 cc rimane lo stesso (123 CV e 120 Nm di coppia massima), ma Euro 5 e con una calibrazione rivista per una migliore risposta al gas e la funzione di disattivazione de cilindro posteriore durante le soste, per gestire meglio il calore emanato al minimo e i consumi. Tra le novità di ogni modello troviamo poi nuovi colori e un inedito touch screen digitale da 4,3” (solo per le versioni S, R Carbon e Rally). Di seguito come si differenziano tra loro le nuove versioni.

Dotata di strumentazione analogica, con un piccolo display digitale che mostra le informazioni necessarie, e disponibile nella colorazione Black Smoke con inserti rossi. È l’unica versione depotenziabile per chi dispone di patente A2.

1/37

Due le opzioni di colore: Maroon Metallic e White Smoke. Vanta il nuovo display TFT a colori touchscreen da 4,3” con connettività, scarico Akrapovic, tre modalità di guida, controllo dell'impennata e del sollevamento posteriore, controllo della stabilità, controllo della trazione e ABS cornering. Inoltre, dispone di una porta USB a ricarica rapida.

1/54

È la versione con cerchi da 17” più pregiata nella gamma FTR. Oltre a quanto c’è sulla “S”, la Carbon si distingue per numerose parti in carbonio, sospensioni Öhlins completamente regolabili, scarico Akrapovič nero, coprisella premium e badge numerato.

1/35

È la scrambler di famiglia e mantiene le misure dei cerchi che hanno caratterizzato il vecchio modello, ovvero anteriore da 19” e posteriore 18”. La vocazione offroad è enfatizzata anche dagli pneumatici di serie, i Pirelli Scorpion Rally STR. Come gli altri modelli FTR, anche la Rally riceve una raffinata calibrazione del motore che ne migliora la risposta dell'acceleratore. Rispetto alle altre versioni, il manubrio è posto 50 mm più in alto. L’unica colorazione 2021 disponibile è la Titanium Smoke. Come la FTR “base” verrà commercializzata anche in versione 35 Kw per chi dispone di patente A2.

La FTR è pensata da Indian come un’ottima piattaforma di base da cui partire per le proprie personalizzazioni. Il catalogo ufficiale offre a questo scopo molti accessori dedicati a estetica e funzionalità. Qui sotto le foto della FTR S accessoriata.

1/34

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli